I musei di Ibiza

Conoscere Ibiza attraverso la sua cultura ed i suoi musei si può : ecco i principali.

BALUARTE DE SANT PERE

Chiave delle mura difensive moderne sono i bastioni a forma pentagonale, dove si ubicava l’artiglieria. I fianchi dei bastioni rinascimentali si aprivano sulle famose casematte, patii semi coperti situati sopra il terrapieno del bastione stesso. Nell’agosto del 2007 si inauguró il bastione di San Pere, situato al nord-est delle mura: uno spazio convertitosi in museo, con elementi audiovisuali esplicativi della costruzione delle mura difensive. La recinzione fortificata risale al Rinascimento, circonda l’intera città e fu disegnato dall’ingegnere Giovanni Battista Calvi, a quel tempo al servizio del Re Filippo II. È ancora visibile il tracciato originale del secolo XVI.

CASA BRONER

La Casa Broner fu costruita nel 1960 come residenza e studio dell’architetto e pittore tedesco Erwin Broner (1898-1971). Dichiarata “Bene di interesse culturale” nel 2000, costituisce uno dei monumenti chiave dell’architettura moderna delle Baleari. Dopo un’attenta e emeticolosa ristrutturazione è stata aperta al pubblico, per far conoscere l’importante eredità di Broner come artista, per promuovere la ricerca, la diffusione e la manutenzione dell’architettura moderna e contemporanea, ma anche per promuovere l’architettura rurale nel paesaggio e nel territorio di Ibiza e delle Baleari.

museo broner Ibiza

CENTRO DE INTERPRETACIÓN MADINA YABISA

Si tratta di un centro culturale che punta molto sulle tecniche della tecnologia audiovisuale, che usa per raccontare la storia della città e, particolarmente, dell’epoca islamica e della fortificazione araba. Si trova all’interno dell’edificio Cúria, costruito tra i secoli XIV e XV, sui resti delle antiche mura arabe. La ristrutturazione ha riportato alla luce l’antica medina. Il centro si trova di fronte alla cattedrale della città.

cultura araba ibiza

MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA DI IBIZA

Il MACE fu inaugurato nel 1969, grazie all’impulso del comune di Ibiza e della Biennale, che nel 1964 aveva celebrato la prima edizione. Si tratta quindi di uno dei musei d’arte contemporanea più antichi di Spagna. Si torva all’interno dell’edificio Simón Poulet (1727) ed ospita verie opere premiate dell’Ibizagráfic, oltre a varie collezioni e donazioni di Carl von der Voort.

IL MUSEO DIOCESANO

Edificio in origine residenza degli ecclesiastici, si trova accanto alla strada che portava all’Almudaina.con la creazione dell’arcivescovato del 1782 l’antico edificio venne profondamente trasformato ed ampliato. Nel secolo XVIII venne costruito il piano superiore al quale si accede tramite una scalinata unita alle antiche mura.

MUSEO PUGET

Il Museo Puget si trova in una delle case della nobiltà di dalt Vila, nell’antica Calle Mayor, più conosciuta come Can Comasema, in onore alla famiglia Comasema, di origine maiorchina, che vi abitò nel XIX secolo. Molto probabilmente la parte più antica della casa risale al XV secolo. Lo stemma della famiglia catalana Francolí, sui capitelli di alcune colonne del patio e l’architettura interna fortemente caratterizzata dal gotico catalano, fanno pensare che un tempo l’edificio sia stata una fabbrica. Tra gli elementi decorativi piu interessanti si trovano la gran vetrata a tre archi ed i capitelli gotici: l’edificio ospita oggi oltre 130 opere pittoriche di Narcís Puget Riquer e di Narcís Puget Viñas, donate allo stato dalla famiglia. Sono per lo più olii ed acquarelli di stile costumbrista, che colgono paesaggi e scene della vita quotidiana ad Ibiza agli inizi del XX secolo. Nel 2003 il comune di Ibiza ha ceduto il museo al Ministero della Cultura Can Comasema, per poter realizzare un’esposizione pubblica permanente.